Contraffazione dell'oro - un problema millenario

Casi di contraffazione dell'oro sono noti fin dall'antichità e il fenomeno è giunto fino ai giorni nostri. I falsari nel tempo hanno sviluppato tecniche sempre piú sofisticate e difficili da smascherare.

Il fascino dell'oroL'oro è accettato da migliaia di anni dagli uomini come una preziosa merce di scambio e mezzo di pagamento. È un metallo relativamente raro e si riesce a distinguere facilmente dagli altri metalli grazie al caratteristico colore giallo. L'oro possiede inoltre delle proprietà fisiche uniche come un'alta conducibilità e un'elevata densità. Grazie al suo valore, l'oro ha inevitabilmente attratto le attenzioni di falsari e truffatori.

Da diversi anni, il numero dei falsi è in rapida crescita. A causa della crisi finanziaria sempre più persone stanno perdendo la fiducia nelle valute di carta e preferiscono investire in beni fisici come l'oro. Ciò ha portato a un  aumento dei prezzi per i metalli preziosi. Questo aumento dei prezzi e l'esplosione globale della domanda ha causato anche una drammatica crescita del numero di falsificazioni e truffe.

Le tipologie di contraffazione vanno da falsi piuttosto scadenti, quali lingotti d'oro con inclusioni di rame o monete d'oro false di bassa qualità, fino a falsificazioni “altamente professionali”, sia di monete da investimento che di lingotti d'oro con nuclei di tungsteno o lega di tungsteno, che sono praticamente indistinguibili dagli originali per aspetto, peso e marchiatura.

 

Oro falso – non è una leggenda!

 

"I lingotti d'oro falsi non sono una leggenda. Ci siamo perfino imbattuti in un lingotto d'oro con nucleo al tungsteno da 1 Kg veramente ben fatto“

(Marcus Fasching, amministratore delegato Ögussa Goldscheideanstalt, Germania)

 

Falsi realizzati con materiali a bassa densità

Questo è ancora uno dei metodi più comuni per falsificare l'oro. Si utilizzano materiali quali ottone, piombo, ferro, rame o bronzo che vengono poi placcati in oro. Di solito si utilizza uno strato d'oro abbastanza spesso da permettere la marchiatura; in alternativa il lingotto del materiale estraneo viene pre-marchiato e successivamente rivestito galvanicamente con un sottile strato d'oro (pochi micron).

Queste contraffazioni sono in realtà immediatamente riconoscibili, poiché per ottenere lo stesso peso di un pezzo d'oro originale, le dimensioni devono essere significativamente maggiori; mentre se si mantengono le stesse dimensioni, il peso sarà significativamente inferiore. Tuttavia, questa tipologia di falsi viene spesso venduta con successo ad acquirenti in buona fede (vedi articolo "Casi di contraffazione di metalli preziosi").

Più difficili da rilevare sono casi in cui gli oggetti hanno una forma irregolare, geometricamente complicata - ad esempio cornici, statuette d'oro, medaglie, distintivi, oggetti d'arte o decorativi. In questi casi non è possibile ricorrere a misure e pesi standard tabulati e risulta necessario determinare la densità dell'oggetto, tipicamente utilizzando una bilancia per densità, in modo da verificare se il peso specifico corrisponde a quello dell'oro puro oppure no.

Falsi realizzati con materiali con densità simile all'oro

La tabella a sinistra mostra quali sono i materiali preferiti per questo tipo di contraffazioni (a volte di ottima fattura) a seconda che si tratti di oro puro o oro 916 (ad esempio monete Krügerrand).

Nella maggior parte dei casi all'interno di lingotti e monete false viene trovato del tungsteno, in quanto ha praticamente la stessa densità dell'oro e pertanto il peso e le dimensioni dei lingotti e delle monete originali possono essere imitati con precisione. Dal 2014 si è notato un forte aumento del numero contraffazioni di questo tipo in Europa: si è spesso trattato di monete d'oro da 1 oncia (ad esempio finte American Eagle, finte Krügerrand, ecc.) e di lingotti d'oro di piccole dimensioni, soprattutto i falsi Perth Mint Kangaroo. Quest'ultimo è apparso sia nel blister verde che in quello nero. Per quanto riguarda questi lingottini falsi, si sono riscontrate sia la variante facile da scoprire, con inclusione di rame od ottone, che quella piú difficile da smascherare con nucleo in tungsteno.

Il rilevamento di questo tipo di contraffazione non è possibile senza metodi penetranti, ovvero in grado di testare il lingotto o la moneta in profondità. In alcuni casi, il suono può essere usato per capire se l'oro è autentico oppure no. Tuttavia questo metodo funziona quando lo spessore della doratura esterna è contenuto e solamente se il tungsteno all'interno è sinterizzato e non fuso. Questi tipi di contraffazione risultano essere tra i più pericolosi sul mercato. Le monete contraffatte in questo modo possono essere individuate, ad esempio, con la nostra GoldScreenCard o con il nostro Rivelatore Magnetico. Per lingotti di dimensioni maggiori è più adatto il set per testare lingotti di GoldAnalytix.

 

 

Casi di contraffazione dell'oro sono noti fin dall'antichità e il fenomeno è giunto fino ai giorni nostri. I falsari nel tempo hanno sviluppato tecniche sempre piú sofisticate e difficili da... scopri di più »
Chiudi la finestra
Contraffazione dell'oro - un problema millenario

Casi di contraffazione dell'oro sono noti fin dall'antichità e il fenomeno è giunto fino ai giorni nostri. I falsari nel tempo hanno sviluppato tecniche sempre piú sofisticate e difficili da smascherare.

Il fascino dell'oroL'oro è accettato da migliaia di anni dagli uomini come una preziosa merce di scambio e mezzo di pagamento. È un metallo relativamente raro e si riesce a distinguere facilmente dagli altri metalli grazie al caratteristico colore giallo. L'oro possiede inoltre delle proprietà fisiche uniche come un'alta conducibilità e un'elevata densità. Grazie al suo valore, l'oro ha inevitabilmente attratto le attenzioni di falsari e truffatori.

Da diversi anni, il numero dei falsi è in rapida crescita. A causa della crisi finanziaria sempre più persone stanno perdendo la fiducia nelle valute di carta e preferiscono investire in beni fisici come l'oro. Ciò ha portato a un  aumento dei prezzi per i metalli preziosi. Questo aumento dei prezzi e l'esplosione globale della domanda ha causato anche una drammatica crescita del numero di falsificazioni e truffe.

Le tipologie di contraffazione vanno da falsi piuttosto scadenti, quali lingotti d'oro con inclusioni di rame o monete d'oro false di bassa qualità, fino a falsificazioni “altamente professionali”, sia di monete da investimento che di lingotti d'oro con nuclei di tungsteno o lega di tungsteno, che sono praticamente indistinguibili dagli originali per aspetto, peso e marchiatura.

 

Oro falso – non è una leggenda!

 

"I lingotti d'oro falsi non sono una leggenda. Ci siamo perfino imbattuti in un lingotto d'oro con nucleo al tungsteno da 1 Kg veramente ben fatto“

(Marcus Fasching, amministratore delegato Ögussa Goldscheideanstalt, Germania)

 

Falsi realizzati con materiali a bassa densità

Questo è ancora uno dei metodi più comuni per falsificare l'oro. Si utilizzano materiali quali ottone, piombo, ferro, rame o bronzo che vengono poi placcati in oro. Di solito si utilizza uno strato d'oro abbastanza spesso da permettere la marchiatura; in alternativa il lingotto del materiale estraneo viene pre-marchiato e successivamente rivestito galvanicamente con un sottile strato d'oro (pochi micron).

Queste contraffazioni sono in realtà immediatamente riconoscibili, poiché per ottenere lo stesso peso di un pezzo d'oro originale, le dimensioni devono essere significativamente maggiori; mentre se si mantengono le stesse dimensioni, il peso sarà significativamente inferiore. Tuttavia, questa tipologia di falsi viene spesso venduta con successo ad acquirenti in buona fede (vedi articolo "Casi di contraffazione di metalli preziosi").

Più difficili da rilevare sono casi in cui gli oggetti hanno una forma irregolare, geometricamente complicata - ad esempio cornici, statuette d'oro, medaglie, distintivi, oggetti d'arte o decorativi. In questi casi non è possibile ricorrere a misure e pesi standard tabulati e risulta necessario determinare la densità dell'oggetto, tipicamente utilizzando una bilancia per densità, in modo da verificare se il peso specifico corrisponde a quello dell'oro puro oppure no.

Falsi realizzati con materiali con densità simile all'oro

La tabella a sinistra mostra quali sono i materiali preferiti per questo tipo di contraffazioni (a volte di ottima fattura) a seconda che si tratti di oro puro o oro 916 (ad esempio monete Krügerrand).

Nella maggior parte dei casi all'interno di lingotti e monete false viene trovato del tungsteno, in quanto ha praticamente la stessa densità dell'oro e pertanto il peso e le dimensioni dei lingotti e delle monete originali possono essere imitati con precisione. Dal 2014 si è notato un forte aumento del numero contraffazioni di questo tipo in Europa: si è spesso trattato di monete d'oro da 1 oncia (ad esempio finte American Eagle, finte Krügerrand, ecc.) e di lingotti d'oro di piccole dimensioni, soprattutto i falsi Perth Mint Kangaroo. Quest'ultimo è apparso sia nel blister verde che in quello nero. Per quanto riguarda questi lingottini falsi, si sono riscontrate sia la variante facile da scoprire, con inclusione di rame od ottone, che quella piú difficile da smascherare con nucleo in tungsteno.

Il rilevamento di questo tipo di contraffazione non è possibile senza metodi penetranti, ovvero in grado di testare il lingotto o la moneta in profondità. In alcuni casi, il suono può essere usato per capire se l'oro è autentico oppure no. Tuttavia questo metodo funziona quando lo spessore della doratura esterna è contenuto e solamente se il tungsteno all'interno è sinterizzato e non fuso. Questi tipi di contraffazione risultano essere tra i più pericolosi sul mercato. Le monete contraffatte in questo modo possono essere individuate, ad esempio, con la nostra GoldScreenCard o con il nostro Rivelatore Magnetico. Per lingotti di dimensioni maggiori è più adatto il set per testare lingotti di GoldAnalytix.

 

 

Chiudi filtro
Non sono stati trovati risultati con il filtro!